Il grande rischio per le imprese? La tanatosi digitale

Scritto il da Inga
360 2 min
Introduzione

La tanatosi digitale è senza ombra di dubbio uno dei rischi più grandi per le imprese italiane. Cosa si intende per tanatosi nel retail? Come evitarla?

Vendere online Il grande rischio per le imprese? La tanatosi digitale

Cosa è la tanatosi digitale?

La tanatosi è una strategia di difesa di molte specie animali che, in caso di pericolo, implica il totale irrigidimento del corpo.
Con questo stratagemma la preda, fingendosi morta, tenta di scoraggiare i possibili predatori da potenziali aggressioni.

Sfortunatamente questa strategia non ha alcun effetto nei rapporti commerciali, tutt’altro.

Vengono definite aziende “affette” da tanatosi digitale tutte quelle realtà prive di:
– un canale di vendita ufficiale online;
– una strategia commerciale online che risulti di supporto alla rete vendita fisica.

Perché è così pericolosa la tanatosi digitale?

  • Il comportamento dei propri rivenditori
    Il paradosso è che i rischi della cosiddetta tanatosi digitale colpiscono prevalentemente le aziende con una rete commerciale fisica strutturata.
    Senza vincoli né riferimenti, anche un piccolissimo rivenditore che vende online i prodotti di un marchio a prezzo scontato crea non solo un danno economico all’intera rete vendita, ma anche un problema di immagine all’azienda produttrice (si pensi al malcontento di tutti i rivenditori che si vedono entrare in negozio possibili clienti i quali, poi, acquisteranno online a prezzo scontato il prodotto di loro interesse, ma con il vantaggio di averlo toccato con mano nel punto vendita fisico). Questa problematica viene descritta meglio in questo approfondimento.
  • Il comportamento dei potenziali clienti
    Prima le principali attività relative al commercio avvenivano direttamente in negozio, nelle fiere e nei mercati.
    Oggi non è più così.
    Le persone infatti su Internet (ed in particolare su Google) cercano informazioni tecniche sui prodotti, fanno comparazioni di prezzi, parlano delle diverse marche, scrivono recensioni, vendono prodotti usati, e via dicendo.
    Per questo motivo la capacità di far emergere le qualità dei propri prodotti, e di renderli facilmente acquistabili online, è ormai di vitale importanza sia per chi vuole far conoscere il proprio catalogo sia per chi vuole aumentare le proprie vendite.
  • Poca visibilità e poca autorevolezza
    Non avere una chiara ed autorevole presenza online significa mettere la propria azienda ed i propri dipendenti in balia di altri attori quali:
    – i propri concorrenti (sia italiani che esteri);
    – i clienti insoddisfatti che possono parlare male dei prodotti;
    – piattaforme di rivendita di prodotti usati.

Secondo Mariangela Marseglia, country manager di Amazon per l’Italia, “delle PMI di casa nostra solo un terzo è digitalizzato, e un’azienda su sette ha un fatturato significativo online. Un dato preoccupante se si guarda al gap digitale con i concorrenti stranieri”, ha dichiarato.

Pertanto: se vogliono continuare a crescere (o almeno a sopravvivere) in un mercato sempre più digitalizzato, le aziende italiane impegnate nel retail devono necessariamente essere online in maniera attiva e con politiche commerciali chiare ed integrate evitando il più possibile una tanatosi digitale come descritta sopra.

Suggerimento esclusivo per i produttori Made in Italy

Se sei un produttore Made in Italy sappi che sei perfettamente in tempo per iniziare ad esportare i tuoi prodotti grazie ad Amazon. Potresti infatti sfruttare questa piattaforma per iniziare ad esportare di più e diventare leader nel tuo settore beneficiando della grande forza che ha il Made in Italy all’estero, e sul quale Amazon sta puntando molto.

Fonte
Marseglia di Amazon: le PMI dovranno colmare il gap digitale Marseglia di Amazon: le...
Condividi
Inga
Consigliati per te
Il 2019 di Amazon: dati, statistiche e previsioni https://inga.expert/wp-content/uploads/2020/03/successo-di-crescita-nel-concetto-2020-piano-d-affari-e-aumento-degli-indicatori-positivi-nel-suo-business_52701-36.jpg Questo report, che illustra i dati forniti dalla piattaforma Marketplace Pulse, vuole offrire un'utile panoramica sull'evoluzione del mercato e-commerce nel 2019, nell'ottica di generare spunti vantaggiosi all'elaborazione di strategie commerciali efficaci nel 2020 che, analizzando i dati, non possono prescindere da Amazon.
Posizionamento SEO Amazon https://inga.expert/wp-content/uploads/2020/09/Posizionamento-SEO-Amazon.jpg I venditori Amazon sanno che l'ottimizzazione delle loro inserzioni Amazon può avere un impatto diretto sul ranking dei prodotti e sulle vendite.
La cantina di Amazon https://inga.expert/wp-content/uploads/2020/01/2646660.jpg I numeri del mercato vitivinicolo online sono in continuo aumento, tanto da diventare per Amazon una categoria merceologica di grande valore. Ovviamente è l'eccellenza tutta italiana ad essere favorita, vista la posizione di leadership del nostro paese nel mercato internazionale.
Il ritorno della tradizione artigianale italiana: Amazon Handmade https://inga.expert/wp-content/uploads/2020/01/amazon-handmade.jpg Trend favorevoli e obiettivi ambiziosi, hanno spinto Amazon a creare una sezione dedicata a prodotti di qualità fatti a mano. Se sei un artigiano, Amazon Handmade può essere un'ottima opportunità per la tua attività. Ecco perché.
La caffetteria di Amazon https://inga.expert/wp-content/uploads/2020/03/chicchi-di-caffe-su-pietra-scura_35641-2978.jpg Tra i mercati più profittevoli del marketplace statunitense, il caffè si presenta come uno dei prodotti top seller per gli utenti, italiani e non.
Italiani, Coronavirus e Amazon: le nuove abitudini https://inga.expert/wp-content/uploads/2020/04/Amazon-vs-Covid19.jpg Le misure che i governi stanno adottando per fermare la pandemia da coronavirus stanno cambiando le nostre abitudini, comprese quelle d’acquisto. Cosa ci aspetta una volta terminata l'emergenza?